Per Info e Iscrizioni

06 772 08 254

Lunedi - Sabato

09:00 - 18:00

Salita S.Nicola da Tolentino, 25

00187 Roma
 

Perché un Angolo Munari all’interno di un asilo nido?

Possiamo rispondere dicendo che l’eccellenza dell’educazione non è dare delle risposte al bambino, ma aiutarlo a porsi le giuste domande. Domande utili ad accendere l’immaginazione, che stimolino il pensiero creativo.

“I laboratori possono diventare un metodo di apprendimento?” chiedeva Bruno Munari nelle sue ricerche. A questa domanda crediamo di poter rispondere affermativamente se consideriamo che i laboratori sono orientati sulla base della naturale predisposizione del bambino di giocare. Sappiamo infatti di quanto il gioco sia tirocinio di vita e se riflettiamo su come, all’interno di un laboratorio munariano, il bambino inventa qualcosa di nuovo giocando, allora possiamo senza alcun dubbio asserire che, in questo contesto, si crea un oggetto che concretizza l’immaginazione. In quest’ambito il gioco diventa arte, esperienza, crescita.

 

 

La domanda tacita durante i laboratori è “come puoi farlo in altro modo?”. Quanto spesso i bambini rompono un giocattolo per capirne i meccanismi nascosti e sapere cosa c’è dentro? cosa c’è dietro? Provando a rispondere a questa domanda il bambino apprende da solo e senza alcuno sforzo; vengono proposti alla sua attenzione materiali di diverso genere senza nessuna indicazione, in questa situazione il bambino sperimenta varie possibilità in assoluta libertà.

“Il più grande ostacolo alla comprensione di un’opera d’arte è quello di voler capire” ci insegnava Munari ed è per questo motivo che, quando l’opera è terminata nessuno chiede, nessuno vuole sapere, tutti ammirano in silenzio e si compiacciono.

Un angolo Munari in un asilo funziona come esercizio di libertà di espressione, come fucina di creatività che guarda le cose non solo per quello che sembrano ma per quello che conservano al loro interno, sperimentando ogni volta un punto di vista differente, affinando di volta in volta la libertà di un pensiero divergente e differente dal consueto.

L’angolo Munari all’interno di un asilo nido è l’officina polisensoriale delle domande e delle idee che mancava.

Dott.ssa Lidia Letizia

Lascia un commento


Ultimi articoli