Marameo

MARAMEO – ASILO NIDO AZIENDALE DI ASL RM C – CTO ALESINI

Via San Nemesio 28, 00145 Roma
Tel. 06.51003669
E-mail: g.azino@babyandjob.it
Orario apertura dal lunedì al venerdì dalle 07.00 alle 18.00 

L’asilo è gestito dalla Baby & Job dal 2009 ed ha una capienza di 40 posti, convenzionato con il Comune di Roma, a cui viene destinato il 50% della capacità ricettiva. Giornalmente vengono organizzati dal personale educativo laboratori per lo sviluppo motorio, sensoriale e cognitivo, di apprendimento montessoriano, per lo sviluppo dell’area  espressivo comunicativo, dell’area linguistica e dell’area emotivo-affettiva e sociale.

ATTIVATA’/APPUNTAMENTI

Laboratorio Mirò

Questo laboratorio richiama Mirò e la sua pittura, i colori caldi e le forme semplici ed elementari che caratterizzano le sue opere e che si propongono come visione giocosa della vita e del mondo. Mirò dipinge la gioia attraverso le forme e i colori che rimandano nella loro semplicità al mondo dell’infanzia. In questa prospettiva l’educatore aiuta il bambino ad esprimersi liberamente, in primo luogo da un punto di vista artistico. L’intento  è fare in modo che i bambini vivano situazioni stimolanti e pensate che li mettono in condizione di esprimere le loro emozioni, i loro pensieri, le loro visioni delle cose e delle persone. I bambini potranno rappresentare con i segni e le forme che vogliono, andando oltre una mera prospettiva realistica e figurativa dell’espressione grafica e pittorica. Proprio per questo la scelta è caduta su Mirò, il quale, meglio di altri, può insegnare con le sue opere che il mondo può essere rappresentato con forme e colori molteplici e del tutto “personali” attraverso modeste tecniche, lui stesso dice “…….e adesso disegno bagnando le dita nel colore”.

Laboratorio del fare

Il laboratorio del fare è un angolo, pensato e strutturato dall’educatore per permettere al bambino di vivere esperienze creative e introspettive, che stimolino il pensiero, la riflessione e la fantasia. Per l’allestimento del laboratorio si utilizzano materiali naturali e di recupero, selezionati in categorie distinte:

  • Merceria: stoffe, bottoni, cerniere ecc
  • Materiali naturali: rametti di legno, scarti di legno, foglie, conchiglie, pigne, semi e noccioli di frutta ecc
  • Carta e cartone: scatole riciclate dalle confezioni degli alimenti, rotoli di carta di varie dimensioni, carta crespa, cartoncino ecc.
  • Plastica e altro: tappi di diverse dimensioni, coperchi dei barattoli nastrini da regalo ecc

L’idea nasce dall’intenzione di permettere al bambino, ormai grande per il cestino dei tesori e per il gioco euristico, di continuare l’esperienza di esplorazione e scoperta. L’angolo viene allestito in sezione e costituisce un’opportunità che il bambino sceglie liberamente. Dopo la prima fase di esplorazione dei materiali, il bambino sentirà l’esigenza di mettere in relazione gli oggetti esplorati (una stoffa avvolta intorno ad un anello, oppure, un nocciolo inserito in un rotolo), questo suo “fare” porterà alla creazione di una composizione, che potrà assumere una forma definita e definitiva con l’utilizzo della colla. Esplorazione, assemblaggio e fissaggio non sono fasi dell’attività ma sono degli stati individuali del fare del bambino e come tali non hanno un tempo o un ordine. L’educatore sarà una presenza discreta nell’angolo del fare, un punto di riferimento per il bambino che, di tanto in tanto lo cercherà con lo sguardo per essere rassicurato e sostenuto.

VAI ALLE NEWS