Progetto educativo

“L’umanità si mostra in tutto il suo splendore durante l’età infantile come il sole si mostra all’alba ed il fiore nel momento in cui dispiega i suoi petali: e noi dobbiamo rispettare religiosamente, con riverenza, queste prime indicazioni di personalità”  Maria Montessori.

La filosofia educativa è centrata sull’idea montessoriana del bambino capace, dotato di straordinarie doti di apprendimento e cambiamento, di molteplici risorse affettive, relazionali, intellettive che si esplicitano in un costante scambio e dialogo con l’ambiente circostante.

Il personale educativo della Baby & Job realizza interventi per sollecitare e sostenere l’attività del bambino, per promuoverne l’operatività e l’autonomia, rispettando i tempi unici di ciascun bambino in quanto ogni bambino è diverso dall’altro. Le azioni educative vengono realizzate concretamente attraverso:

  • l’organizzazione degli spazi che è adeguata al bambino in quanto viene eliminato tutto ciò che ritarda o impedisce lo sviluppo naturale del bambino affinché l’ambiente dove il bimbo vive la sua esperienza-nido sia costruito su misura e in modo proporzionato alle sue esigenze;
  • il gioco è lo strumento primario attraverso il quale il bambino conosce ed esplora il mondo esterno, esercita le capacità che favoriscono il suo sviluppo fisico e l’immaginazione, crea un approccio alle soluzioni di problemi, vive nuove esperienze, forma nuove amicizie e impara a vivere con gli altri ed a gioire della loro compagnia;
  • la profonda attenzione dedicata alle routines (accoglienza, pappa, ninne, cambio, ricongiungimento) che creano nel bambino un senso di sicurezza derivante dalla ripetizione quotidiana e che rappresentano per il genitore la prima fonte di preoccupazione.

L’alta qualità educativa del progetto Baby & Job si fonda su aggiornamento, sperimentazione e ricerca continua in ambito psicopedagogico. Il personale educativo Baby & Job partecipa a corsi di formazione e aggiornamento permanente e a scambi con centri di eccellenza pedagogica che costituiscono ad oggi, in Italia e all’estero, un punto di riferimento nella progettazione di percorsi educativi. Lo scambio e il confronto costante del gruppo educativo con insegnanti e pedagogisti operano in contesti di eccellenza e qualificano, in modo distintivo, l’offerta educativa dei nidi Baby & Job.

Attività ludico-creative        

"Nei primi anni l'educazione sia una specie di divertimento; vi sarà così più facile scoprire le inclinazioni naturali". Platone

I momenti di attività e di esplorazione sono organizzati facendo alternare il gioco libero e le attività strutturate proposte dalle educatrici seguendo le richieste e le iniziative dei bambini. Le attività strutturate sono proposte dalle educatrici ai bambini sulla base di una programmazione annuale che tiene conto delle osservazioni condotte dalle educatrici, della risposta che i bambini danno agli stimoli proposti, dello sviluppo psico-fisico dei bambini, dei loro interessi e dell’utilizzo che fanno del materiale, ma anche degli avvenimenti di vita (nascite, viaggi, ecc.), o dei periodi dell’anno. I laboratori organizzati dal personale educativo sono realizzati al fine di favorire lo sviluppo globale dei bambini e di stimolarne tutti i sensi.

Proponiamo attività per:

  • lo sviluppo motorio (percorsi organizzati, lezioni di psicomotricità)
  • lo sviluppo della motricità fine come la costruzione del libro sensoriale (con materiale povero i bambini possono liberamente comporre le loro pagine scegliendo tra vari materiali a disposizione)
  • sviluppo sensoriale come il laboratorio dei sapori e degli odori, delle coccole cremose e i pannelli sensoriali (tavole di compensato di varia dimensione rivestite di diversi elementi: stoffe, velluti, eco-pellicce, eco-pelle, panno lenci, spugne morbide, spugne, legnetti, etc.);
  • sviluppo cognitivo come il cestino dei tesori (un cestino vero e proprio riempito fino al bordo con oggetti di uso comune costruiti preferibilmente con materiali naturali per stimolare la curiosità dei bambini), il gioco euristico (in cui i bambini agiscono sugli oggetti contenuti in sacchetti spostandoli dentro e fuori gli spazi, riempiendo e svuotando i contenitori, selezionando, discriminando, paragonando, mettendo in serie, infilando e facendo pile, facendo rotolare e mettendo in equilibrio, concentrandosi e migliorando la loro abilità di manipolazione), la scatola azzurra (per riavvicinare i bambini alla natura attraverso i richiami ed i colori della natura: l’azzurro con cui è dipinta la scatola è il colore del cielo, del mare, dell’acqua; il suo contenuto: sabbia, sassolini, legnetti, conchiglie), le costruzioni e gli incastri (i bambini sperimentano costruendo e assemblando, sviluppando la motricità  fine, la creatività e il pensiero logico). I laboratori di apprendimento montessoriano riscontrano un’attenzione particolare da parte dei bambini che amano effettuare attività di vita pratica come i travasi con caraffa e bicchieri, sfilare e infilare i telai delle allacciature, mettere dentro e togliere fuori gli oggetti
  • sviluppo dell’area espressivo comunicativa in cui viene offerto al bambino il maggior numero possibile di strumenti e di materiali come sabbia, acqua, creta, plastilina, tempera, colla, vari tipi di carta, matite, pastelli, pennarelli, e anche strumenti musicali etc., lasciandolo libero di esprimere ciò che desidera) attraverso le attività grafico pittoriche, i laboratori di espressione corporea, la musica.
  • sviluppo linguistico come il laboratorio della lettura, della sonorità della lallazione, o le attività dedicate allo sviluppo dell’area emotivo-affettiva e sociale come il gioco simbolico (in cui il bambino riproduce nel gioco esperienze viste nella vita quotidiana come lavare i piatti, apparecchiare la tavola, cucinare), il gioco delle bambole, il gioco della ferrovia.

Il nido è anche una realtà ecologica in cui vengono realizzate attività nel rispetto della natura, come il laboratorio “orto al nido” per stimolare una maggiore sensibilità alla natura e al lavoro di gruppo; il laboratorio della “raccolta differenziata” in cui vengono raccolti i materiali di risulta delle diverse attività; il laboratorio del “riciclo e della costruzione del giocattolo” in cui vengono realizzati giocattoli unici con i materiali di scarto e con l’aiuto della fantasia.

Tra i servizi aggiuntivi proponiamo anche:

  • l’insegnamento della lingua inglese attraverso il modello Hocus e Lotus, format narrativo sviluppato dalla Prof.ssa Traute Taeschner all’interno di Progetti Europei Socrates Lingua, e messo in opera dalla Dinocroc International Training Institute srl in collaborazione con La Sapienza Università di Roma ed alte Università europee;
  • il progetto musicainfasce, realizzato da insegnanti formate presso l’Associazione Italiana Gordon per l’Apprendimento Musicale riconosciuta da Edwin Gordon per l’insegnamento della Music Learning Theory . Tale metodologia fa sì che il bambino sia immerso nei suoni musicali fin da piccolo, dandogli la possibilità di sviluppare un proprio vocabolario di suoni ascoltati;
  • il laboratorio della lettura e il progetto biblioteca, a misura di ogni bambino, per i più piccoli i libri saranno di stoffa, per i più grandi verranno dati a disposizione libri proiettivi e libri introiettivi;
  • il progetto “baby fattoria” in collaborazione con una fattoria itinerante autorizzata dalle autorità competenti;
  • il progetto del teatro e danza che coinvolge i bambini sia nella costruzione di scenografie e marionette che, per i più grandi, nella rappresentazione di un Musical o di una favola. 

Coinvolgimento delle famiglie

Il coinvolgimento delle famiglie alla vita del nido è un presupposto indispensabile per la Baby & Job che crea spazi e tempi nei quali i genitori possano confrontarsi, interessarsi alla vita del proprio bambino al nido, conoscere il proprio figlio in un contesto diverso da quello di casa.

  • Assemblea dei genitori, riunioni di sezione riunione di fine anno, ma anche incontri individuali con la coordinatrice e con le educatrici su tematiche inerenti la vita del bambino al nido ed il suo sviluppo psico-fisico;
  • l’iniziativa “educatore per un giorno”, nella quale il genitore passa una giornata al nido, completamente integrato nella quotidianità vissuta dai bambini;
  • gli incontri delle feste che sono un momento di grande aggregazione e partecipazione delle famiglie, o la festa di fine anno, per la “mostra” dei lavori svolti dai bambini nel corso dell’anno e la consegna dei “diplomi” per i bimbi che andranno alla scuola materna;
  • Lo spazio insieme “Gioco con te” accresce la dimensione ludica del rapporto tra genitore e figlio, in tali incontri, i genitori e i bambini sono invitati a giocare tra loro, attraverso il supporto e gli stimoli offerti dagli educatori che introducono un “gioco”;
  • Il “pomeriggio cantato” viene organizzato per introdurre i genitori nel mondo delle canzoni del nido, in modo che possano anche loro a casa seguire le note dei loro bambini;
    • il “massaggio infantile” in cui le mamme sono invitate a partecipare insieme al loro bambino e durante il quale, alla presenza di un esperto, sono proposti giochi di rilassamento, giochi di tonificazione e di decontrazione muscolare, giochi di contatto e di massaggio;
    • il corso di yoga pensato per i genitori e i bambini che è un’originale opportunità per stare insieme in un clima rilassato;
    • “nati per Leggere” per costruire un rapporto di familiarità tra i bambini e i libri, sviluppare e diffondere il “ piacere della lettura”;
    • il pic-nic al parco in occasione della conclusione dell’anno educativo; lezione aperta di musica o di inglese in cui i genitori di ciascun gruppo di bambini saranno coinvolti nella lezione e chiamati a parteciparvi;
    • Seminari e incontri a tema, sulla base delle esigenze emerse dalle famiglie, di formazione e confronto rivolti ai genitori su tematiche relative alla psicologia dello sviluppo e dell’età evolutiva.